Tutto sul Fimo: tipi, colori e caratteristiche

 

Il fimo è una pasta modellabile di materiale sintetico termoindurente in quanto una volta modellato si indurisce solamente in forno, ad una temperatura tra i 110 e i 130°C. In commercio ne esistono di diversi colori e di diversa qualità, da scegliere a seconda delle necessità di uso che se ne vuole fare e dell’effetto finale che si vuole ottenere.




Tipi di pasta fimo
  • Fimo Classic o Professional: la pasta è abbastanza dura a livello di consistenza, quindi permette di fare lavori di precisione  (per esempio le murrine o le canes).
  • Fimo soft: è più morbido e basta una breve lavorazione e si fa meno fatica per condizionare la pasta, tuttavia si appiccica facilmente alle superfici di lavoro e si deforma facilmente. Non consente quindi di fare lavori molto precisi per via della facile malleabilità.
  • Fimo Metallizzato: ovvero oro, argento e rame maè possibile ottenere l’effetto metallico anche usando pigmenti, ombretti o i colori acrilici.
  • Granito: effetto pietra o marmo
  • Trasparente: si chiama fimo translucent che da un effetto “trasparente”. Metto tra virgolette perchè non è proprio trasparente ma è un bianco più opaco. Io lo utilizzo per realizzare le ali di fate o farfalle in quanto dona un effetto più realistico.
  • Fluorescente: si illumina al buio.
  • Fimo Liquid: adatto per fare le glasse dei dolci, può essere mescolato con pigmenti, acrilici e gessetti per ottenere diverse colorazioni. Può essere utilizzato per unire diverse parti di fimo a crudo rinforzando la struttura della creazione. Dopo la cottura apparirà lattiginoso non completamente trasparente.

 

Salva

Salva

Lascia un commento