Consigli utili

Come fare se il Fimo si sporca.

Spesso, durante la lavorazione, la creazione si sporca di pelucchi o altre impurità, in tal caso potete pulirla con delle salviette umidificate, se è molto sporca potete usare un cotton fiock imbevuto di alcool puro o vetril, ma ne basta veramente pochissimo, altrimenti si rischia di seccare la creazione provocando delle crepe.
Queste tecniche sono utili anche per eliminare le impronte digitali che possono anche essere tolte passando il dito sopra la creazione in modo da strofinarla delicatamente.

Come scrivere sul Fimo cotto.

Sul fimo cotto è possibile scrivere usando un pennarello indelebile.

Come dipingere il fimo crudo.

E’ possibile dipingere il fimo crudo con i colori acrilici e una volta cotto non andrà via. Può essere colorato anche con gessetti, pigmenti e tempere. I pigmenti e i gessetti vanno applicati prima della cottura in modo che la pasta assorba il colore, mentre i colori acrilici e le tempere vanno applicati dopo la cottura. Per maggiore sicurezza, si potrà poi passare una mano di vernice per proteggere il colore.

Come conservare il fimo.

Il fimo non si indurisce all’aria e questa è una caratteristica grandiosa perchè potete riprendere la vostra creazione o modificarla quando volete senza fretta. Non lasciate però la creazione cruda pronta per tanto tempo all’aria aperta per via dei pelucchi. I panetti aperti comunque tendono ad indurirsi, quindi è consigliato avvolgere il panetto nella pellicola da cucina e conservarlo in una  scatola a chiusura ermetica. Infatti il fimo se tenuto eccessivamente a contatto con l’aria si indurisce fino a seccarsi completamente e questo rende molto difficile la lavorazione, infatti in tal caso occorrerà lavorare molto la pasta nelle mani per renderla di nuovo morbida.



Lascia un commento