Come lavorare il fimo


Questa pasta è facile da lavorare per via della sua consistenza abbastanza morbida simile alla consistenza della plastilina. Quando aprite un panetto spesso si presenta abbastanza duro, tuttavia attraverso il condizionamento della pasta (lavorandola tra le mani, impastandola) la pasta si scalderà e diventerà più facile da modellare. Questo passaggio non è da sottovalutare, in quanto se la pasta non viene ben lavorata e ammorbidita si rischia la formazione di crepe dopo averla cucinata e anche con l’andar del tempo è più soggetta a rotture.

È importante lavarsi  bene le mani, tenere sempre a disposizione uno spray con dell’acqua per eliminare eventuali residui sul tavolo di lavoro per evitare che si sporchi di pelucchi o di altri colori. Per evitare questi inconvenienti è consigliabile evitate di lavorare con una lampada puntata sul lavoro perchè la luce attira moltissimi pelucchi che inevitabilmente finiranno nella pasta. Nel caso la pasta di sporcasse, prendete delle salviette umide o dei cottonfioc, bagnate leggermente con acqua o alcool e fate dei piccoli movimenti circolari sulla pasta eliminando l’impurità.

 




Lascia un commento